L’origine del presepe: un viaggio nella storia e nella cultura tra magia e tradizione

La tradizione del presepe è molto antica: affonda le sue profonde radici nella cultura di molti Paesi in tutto il mondo.

La rappresentazione della Natività di Gesù Cristo ha un significato speciale per molte persone, sia a livello culturale che religioso. In questo articolo Gasparotto S.r.l. vuole esplorare le origini, le diverse tradizioni e come questa usanza ha resistito allo scorrere del tempo soprattutto in certe aree geografiche.

L’origine del Presepe

La tradizione del presepe ha origine in Italia nel XIII secolo: il primo presepe fu realizzato nel 1223 da San Francesco d’Assisi in una grotta vicino a Greccio in provincia di Rieti. Il Santo, dopo un viaggio in Palestina affascinato dalla città di Betlemme, volle ricreare la Natività in un’ambientazione simile in Italia. La creazione della scena della Natività si diffuse poi rapidamente nel resto d’Europa e del mondo diventando, ben presto, una tradizione annuale che veniva celebrata anche all’interno delle Chiese con l’utilizzo di statuine e muschio.

Il Ruolo del Presepe nella tradizione e nella cultura

Il presepe ha sempre avuto un ruolo centrale nella tradizione religiosa e culturale. Oltre all’iniziale scena della Natività di Gesù, i presepi incominciarono ad offrire la rappresentazione di scene quotidiane che si svolgevano nelle diverse epoche storiche in cui erano ambientati.

L’allestimento del presepe, che coincide con l’8 dicembre, Festa dell’Immacolata Concezione, è spesso un momento di condivisione in cui viene promosso il senso di comunità e di tradizione: inizialmente creato nelle chiese, successivamente usanza anche nelle case della popolazione.

Il presepe dalle origini ad oggi

Nel corso del tempo i presepi hanno subito una grande evoluzione. Nel XVI secolo divennero soprammobili nelle case nobiliari e, solo alla fine dell’800, furono allestiti anche nelle abitazioni della borghesia durante le festività natalizie diventando simboli di tale festività.

Famosi sono i presepi di Napoli che affondano le loro radici nel XVIII secolo dove arte, cultura e religiose si fondono insieme offrendo un’incredibile esperienza visiva. Una zona del centro storico della città partenopea è allestita, tutto l’anno, con presepi realizzati da bravissimi artigiani che, con grande maestria, realizzano ogni personaggio in terracotta, dipingendo ogni particolare a mano curandone ogni minimo dettaglio.

Ai giorni d’oggi, quasi ogni famiglia, insieme al tradizionale albero di Natale, allestisce anche un presepe all’interno della propria abitazione continuando così l’antica tradizione culturale e religiosa.

Diversi tipi di presepi

In giro per il mondo si possono trovare differenti tipi di presepi. Ce ne sono certi realizzati con elementi e personaggi statici in legno o in ceramica e altri con statuine in movimento, con ruscelli con acqua che scorre, pale di mulini che girano. Altri ancora sono viventi allestiti con persone che interpretano i vari personaggi e non si contano quelli esposti in vere e proprie gallerie d’arte.

Fondamentale l’utilizzo di luminarie e di luci (elettriche o a led) non solo per illuminare le figure principali del presepe ma anche per creare un’atmosfera suggestiva e magica.

I fili di luci sono importantissimi: senza di esse, il presepe potrebbe sembrare incompleto.

Potrebbe interessarti anche

Decorazioni luminose per far brillare il tuo matrimonio

Decorazioni luminose per far brillare il tuo matrimonio

Fai brillare il giorno più importante della tua vita! Non c’è un periodo giusto per scegliere di celebrare il proprio matrimonio: qualsiasi momento sarà quello più opportuno che ti farà battere il cuore e, Gasparotto, da sempre al tuo fianco, renderà magico ogni...

leggi tutto